Farmaexplorer.it
Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net

La Commissione Europea ha approvato Kalydeco nel trattamento della fibrosi cistica in pazienti con mutazione G551D


Vertex Pharmaceuticals ha annunciato che la Commissione Europea ha approvato Kalydeco ( Ivacaftor ) per il trattamento dei pazienti affetti da fibrosi cistica di età uguale o superiore ai 6 anni, con almeno una copia della mutazione G551D nel gene CFTR ( Cystic Fibrosis Transmembrane conductance Regulator ).

La fibrosi cistica è una malattia genetica rara causata da proteine CFTR difettose o mancanti derivanti da mutazioni nel gene CFTR. Nelle persone con la mutazione G551D, Kalydeco migliora la funzionalità della proteina CFTR difettiva. Si stima che circa 1.100 persone in Europa abbiano la mutazione G551D.

La decisione della Commissione Europea si basa sui risultati positivi di due studi di fase 3, in cui Kalydeco ha dimostrato miglioramenti significativi e sostenuti della funzione respiratoria e aumento di peso nei pazienti di 6 anni o oltre, con questa specifica mutazione genetica, rispetto al placebo.
Inoltre, i soggetti che hanno assunto Kalydeco avevano una probabilità inferiore del 55% di avere esacerbazioni polmonari, o periodi di peggioramento dei segni e sintomi della malattia che spesso richiedono un trattamento con antibiotici e visite in ospedale, rispetto a quelli che hanno ricevuto placebo.

Meno persone nel gruppo di trattamento con Kalydeco hanno interrotto il trattamento a causa di eventi avversi, rispetto al gruppo placebo.

La maggior parte degli eventi avversi associati a Kalydeco sono stati lievi-moderati. Le reazioni avverse più comunemente osservate nei pazienti trattati con Kalydeco sono state: cefalea, infezioni delle alte vie respiratorie tra cui mal di gola e congestione nasale, eruzioni cutanee, diarrea e dolore addominale.
Due pazienti in trattamento con Kalydeco hanno riportato grave dolore addominale.

Kalydeco è uno dei più importanti progressi nel trattamento della fibrosi cistica dopo la scoperta del gene CFTR nel 1989. Trattando la causa di fondo della malattia in persone con mutazione G551D, Kalydeco facilita la respirazione, produce un aumento di peso corporeo e miglioramenti nella qualità di vita.

Kalydeco ( 150mg, ogni 12 ore ) è stato approvato dall’FDA ( Food and Drug Administration ) nel gennaio 2012, per l'impiego in persone affette da fibrosi cistica di età uguale o superiore ai 6 anni con almeno una copia della mutazione G551D nel gene CFTR.
Kalydeco non è efficace nei pazienti con fibrosi cistica che sono omozigoti per la mutazione F508del nel gene CFTR. Pertanto, l'uso di Kalydeco in questi pazienti non è raccomandato.
Kalydeco è controindicato nei pazienti con ipersensibilità al principio attivo o a uno qualsiasi degli eccipienti.

Aumenti moderati delle transaminasi nei test di funzionalità epatica sono comuni nei soggetti affetti da fibrosi cistica. Nel sottogruppo di pazienti con una storia clinica di elevati valori di transaminasi, gli aumenti sono stati riportati più frequentemente nei pazienti trattati con Kalydeco rispetto al placebo.
Pertanto, i test di funzionalità epatica sono raccomandati prima di iniziare Kalydeco, ogni 3 mesi durante il primo anno di trattamento, e successivamente ogni anno.
I pazienti che sviluppano inspiegabili aumentati livelli di transaminasi durante il trattamento devono essere attentamente monitorati fino a risoluzione dell’anomalia; la decisione di continuare ad assumere il farmaco deve essere presa dopo valutazione dei benefici e dei rischi.

Ivacaftor è un substrato degli isoenzimi CYP3A4 e CYP3A5. I medicinali, che inibiscono o inducono l'attività di CYP3A, possono influire sulla farmacocinetica di Ivacaftor.
Ivacaftor è un debole inibitore di CYP3A e può modificare la farmacocinetica dei medicinali metabolizzati attraverso il sistema CYP3A.
Studi in vitro hanno indicato che Ivacaftor ha il potenziale di inibire la glicoproteina-P ( P-gp ) e CYP2C9. La dose di Kalydeco deve essere regolata quando utilizzato contemporaneamente a inibitori di CYP3A, potenti-moderati.
L'esposizione a Ivacaftor è ridotta con l'uso concomitante di induttori di CYP3A, quindi con conseguente potenziale perdita di efficacia di Kalydeco.

La fibrosi cistica colpisce circa 70.000 persone in tutto il mondo, di cui 30.000 soggetti negli Stati Uniti, 35.000 in Europa, 3.800 in Canada e quasi 3.000 in Australia. Oggi, l’età mediana stimata di sopravvivenza per una persona con fibrosi cistica è di circa 38 anni negli Stati Uniti e di 41 anni nel Regno Unito.
Ci sono più di 1.800 mutazioni conosciute nel gene CFTR. Alcune di queste mutazioni, che possono essere determinate mediante un test genetico, o genotipizzazione, possono portare a fibrosi cistica per la presenza di proteine CFTR non-attive o di un numero insufficiente di queste proteine sulla superficie cellulare.
L'assenza di proteine CFTR funzionanti si traduce in un flusso povero di sali e di acqua dentro e fuori la cellula in un certo numero di organi, compresi i polmoni. Questo porta alla formazione di un muco denso e appiccicoso che può essere causa di infezioni polmonari croniche e danni polmonari progressivi. ( Xagena2012 )

Fonte: Vertex, 2012



Pneumo2012 MalRar2012 Farma2012


Indietro