Farmaexplorer.it
Xagena Mappa
Medical Meeting
Pneumobase.it

La FDA ha approvato Ayvakit, la prima terapia mirata per il trattamento di una rara mutazione in pazienti con tumori stromali gastrointestinali


La FDA ( US Food and Drug Administration ) ha approvato Ayvakit ( Avapritinib ) per il trattamento degli adulti con tumore stromale gastrointestinale ( GIST ) non-resecabile o metastatico, un tipo di tumore che si verifica nel tratto gastrointestinale, più comunemente nello stomaco o nell'intestino tenue, che ospita una mutazione dell'esone 18 del recettore alfa del fattore di crescita derivato dalle piastrine ( PDGFRA ).
Questa approvazione include GIST che ospita una mutazione D842V di PDGFRA, che è la mutazione più comune dell'esone 18.

Avapritinib è un inibitore della chinasi, e aiuta a impedire alle cellule tumorali di crescere.

I GIST derivano da cellule nervose specializzate presenti nelle pareti del tratto gastrointestinale. Una o più mutazioni nel DNA di una di queste cellule può portare allo sviluppo di tumori GIST.
Queste cellule aiutano il movimento del cibo nell'intestino e controllano vari processi digestivi.
Più della metà dei GIST inizia nello stomaco. La maggior parte degli altri ha origine nell'intestino tenue, ma i GIST possono originare ovunque lungo il tratto gastrointestinale.
Le mutazioni attivanti in PDGFRA sono state collegate allo sviluppo di tumori GIST e fino a circa il 10% dei casi GIST coinvolge mutazioni di questo gene.

L'Agenzia regolatoria degli Stati Uniti, FDA, ha approvato Ayvakit sulla base dei risultati di uno studio clinico condotto su 43 pazienti con tumori GIST che presentavano una mutazione di PDGFRA sull'esone 18, inclusi 38 pazienti con mutazione D842V di PDGFRA.
I pazienti hanno ricevuto Ayvakit 300 mg o 400 mg per via orale una volta al giorno fino a progressione della malattia o hanno manifestato tossicità inaccettabile. La dose raccomandata è stata determinata in 300 mg una volta al giorno.
Lo studio ha misurato il numero di pazienti che hanno manifestato un restringimento completo o parziale dei propri tumori durante il trattamento ( tasso di risposta globale ).
Per i pazienti che presentavano una mutazione a carico dell'esone 18 di PDGFRA, il tasso di risposta globale è stato pari all'84%, con risposta completa nel 7% e con risposta parziale nel 77%.
Per il sottogruppo di pazienti con mutazioni PDGFRA D842V, il tasso di risposta globale è stato dell'89%, con risposta completa nell'8% e risposta parziale nell'82%.
Sebbene non sia stata raggiunta la durata mediana della risposta, il 61% dei pazienti con mutazioni dell'esone 18 ha avuto una risposta della durata di 6 mesi o più ( il 31% dei pazienti con una risposta in corso è stato seguito per meno di sei mesi ).

Gli effetti indesiderati comuni per i pazienti trattati con Ayvakit sono stati: edema, nausea, affaticamento / astenia, deficit cognitivo, vomito, riduzione dell'appetito, diarrea, alterazioni del colore dei capelli, aumento della lacrimazione, dolore addominale, costipazione, eruzione cutanea e vertigini.
Ayvakit può causare emorragia intracranica, nel qual caso la dose deve essere ridotta o il farmaco deve essere sospeso.
Ayvakit può anche causare effetti a carico del sistema nervoso centrale tra cui compromissione cognitiva, vertigini, disturbi del sonno, disturbi dell'umore, disturbi del linguaggio e allucinazioni. In tal caso, a seconda della gravità, Ayvakit deve essere sospeso e ripreso alla stessa dose o a una dose ridotta dopo il miglioramento oppure interrotto definitivamente.

Gli operatori sanitari dovrebbero informare le donne in gravidanza che Ayvakit può causare danni al feto o al neonato in via di sviluppo.
Inoltre, la FDA consiglia agli operatori sanitari di informare le donne con potenzialità riproduttiva e agli uomini con partner femminili con potenziale riproduttivo, di usare una contraccezione efficace durante il trattamento con Ayvakit e per 6 settimane dopo la dose finale.

La FDA ha concesso la designazione di Breakthrough Therapy ( terapia fortemente innovativa ), che accelera lo sviluppo e la revisione dei farmaci che sono destinati a trattare una condizione grave, quando prove cliniche preliminari abbiano indicato che il farmaco può dimostrare un sostanziale miglioramento rispetto alle terapie disponibili.
Ayvakit ha anche ricevuto la designazione di farmaco orfano. ( Xagena2020 )

Fonte: FDA, 2020

Onco2020 Gastro2020 MalRar2020 Med2020 Farma2020


Indietro