Ibuprofene
Dolore Mylan
Alliance Dermatite
Farmaexplorer.it

La FDA ha approvato Idhifa per il trattamento della leucemia mieloide acuta con mutazione di IDH2, recidivata o refrattaria


La FDA ( US Food and Drug Administration ) ha concesso l'approvazione a Idhifa ( Enasidenib ) per il trattamento dei pazienti adulti con leucemia mieloide acuta recidivata o refrattaria con una mutazione di IDH2 ( isocitrato deidrogenasi-2 ) rilevata da un test approvato dall'Agenzia statunitense.

Questa è la prima approvazione della FDA per la leucemia mieloide acuta, forma recidivata o refrattaria, specificamente con una mutazione di IDH2.
La FDA ha contemporaneamente approvato una diagnostica di accompagnamento, RealTime IDH2 Assay, utilizzato per rilevare la mutazione di IDH2.

L'approvazione di Enasidenib si è basata sullo studio AG221-C-001, uno studio clinico in aperto, a braccio singolo, multicentrico, di Enasidenib che ha riguardato 199 adulti con leucemia mieloide acuta recidivata o refrattaria che avevano una mutazione IDH2 rilevata dallo specifico test.
I pazienti sono stati trattati con Enasidenib 100 mg per via orale a cadenza giornaliera.
I pirincipali endpoint erano: la risposta completa ( CR ) e la risposta completa con tassi di recupero ematologico parziale ( CRh ), durata CR/CRh e conversione dalla dipendenza trasfusionale all'indipendenza trasfusionale.

Dopo un periodo di follow-up mediano di 6.6 mesi, il 23% dei pazienti ha avuto risposta CR o risposta CRh della durata media di 8.2 mesi, con il 19% dei pazienti con risposta CR della durata media di 8.2 mesi e il 4% con una risposta CRh della durata media di 9.6 mesi mesi.

Il tempo mediano alla prima risposta è stato di 1.9 mesi ( intervallo, da 0.5 a 7.5 mesi ) e il tempo mediano alla migliore risposta di CR/CRh è stato di 3.7 mesi ( intervallo, da 0.6 a 11.2 mesi ).

Dei 157 pazienti che hanno richiesto trasfusioni all'inizio dello studio, il 34% non ha più richiesto trasfusioni durante un periodo di almeno 56 giorni in trattamento con Enasidenib.
Dei 42 pazienti che non avevano richiesto trasfusioni all'inizio dello studio, il 76% ha mantenuto l'indipendenza dalle trasfusioni.

Le reazioni avverse più comuni che si sono verificate in oltre il 20% dei pazienti sono state: nausea, vomito, diarrea, elevata bilirubina e riduzione dell'appetito.
La sindrome di differenziazione si è verificata nel 14% dei pazienti. Poiché la sindrome di differenziazione può essere fatale senza una gestione tempestiva, le informazioni di prescrizione includono una forte avvertenza, e istruzioni sul rischio e sulla necessità di un intervento precoce.

La dose raccomandata di Enasidenib è di 100 mg per via orale una volta al giorno fino a progressione della malattia o a tossicità inaccettabile. ( Xagena2017 )

Fonte: FDA, 2017

Emo2017 Onco2017 Farma2017


Indietro