Farmaexplorer.it
Xagena Mappa
Medical Meeting
Xagena Salute

Talzenna, un inibitore di PARP, approvato nell'Unione europea per il carcinoma mammario BRCA-mutato nella linea germinale, localmente avanzato o metastatico


La Commissione europea ha approvato Talzenna ( Talazoparib ), un inibitore PARP ( poli ADP-ribosio polimerasi orale ), come monoterapia per il trattamento delle pazienti adulte , carcinoma mammario metastatico ( MBC ) o localmente avanzato ( LA ), negativo per il recettore 2 del fattore di crescita epidermico ( HER2- ) con mutazioni dei geni BRCA1 e BRCA2 della linea germinale ( gBRCA ).

Prima di assumere Talzenna le pazienti devono essere state in precedenza trattate con una antraciclina e/o un taxano nel setting (neo)adiuvante, localmente avanzato o metastatico a meno che le pazienti non fossero adatte per questi trattamenti.
Le pazienti con carcinoma mammario recettore ormonale positivo ( HR+ ) devono essere state trattate con una precedente terapia endocrina o essere considerate inadatte alla terapia endocrina.

L'approvazione da parte della Commissione europea di Talzenna si basa sui risultati dello studio EMBRACA, il più grande studio di fase 3 su un inibitore di PARP nel tumore alla mammella con mutazioni in BRCA della linea germinale, HER2-, localmente avanzato o metastatico.
Lo studio globale ha valutato Talazoparib una volta al giorno rispetto alla chemioterapia standard scelta dal medico ( Capecitabina, Eribulina, Gemcitabina o Vinorelbina ) nelle pazienti con una mutazione BRCA1/2 ereditaria nel cancro al seno triplo-negativo o HR+/ HER2-, localmente avanzato o metastatico, che possono aver ricevuto fino a tre precedenti regimi di chemioterapia citotossica per la loro malattia avanzata.
L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ), valutata mediante una revisione centrale indipendente in cieco ( BICR ).

Nello studio EMBRACA, Talazoparib ha significativamente sovraperformato la chemioterapia, estendendo la sopravvivenza mediana senza progressione a 8.6 mesi contro i 5.6 mesi per le donne trattate con chemioterapia standard [ IC [ intervallo di confidenza ] 95%: 7.2-9.3 vs 4.2-6.7, rispettivamente ].
Il beneficio superiore della sopravvivenza senza progressione con Talazoparib è stato osservato in tutte le popolazioni di pazienti prespecificati, comprese le pazienti con carcinoma mammario triplo negativo, malattia HR +/HER2-, con o senza anamnesi di metastasi al sistema nervoso centrale ( SNC ) e in coloro che avevano ricevuto in precedenza regimi di chemioterapia citotossica.
Gli endpoint secondari dello studio EMBRACA includevano il tasso di risposta obiettiva ( ORR ), la sopravvivenza globale ( OS ) e la sicurezza.
Talazoparib ha dimostrato un tasso ORR del 62.6% ( IC 95%: 55.8-69.0 ), più del doppio rispetto al braccio della chemioterapia standard ( 27.2% ) ( IC 95%: 19.3-36.3 ).
La sopravvivenza globale ( OS ) è un endpoint basato sugli eventi e i dati non sono ancora maturi.

Sulla base dei dati aggregati dei pazienti che hanno ricevuto Talazoparib 1 mg in studi clinici per tumori solidi, le reazioni avverse più comuni ( maggiore o uguale al 25% ) dei pazienti trattati con Talazoparib erano affaticamento ( 57.1% ), anemia ( 49.6% ), nausea ( 44.3% ), neutropenia ( 30.2% ), trombocitopenia ( 29.6% ) e cefalea ( 26.5% ).
Reazioni avverse di grado 3 o superiore ( maggiore o uguale al 10% ) nei pazienti trattati con Talazoparib erano: anemia ( 35.2% ), neutropenia ( 17.4% ) e trombocitopenia ( 16.8% ).

BRCA1 e BRCA2 sono geni umani che producono proteine ​​coinvolte nella riparazione del DNA. Quando uno di questi geni è alterato o mutato, la riparazione del DNA potrebbe non-progredire correttamente. Questo può portare allo sviluppo di alcuni tipi di neoplasie come il cancro al seno.
Le mutazioni di BRCA possono essere ereditarie ( linea germinale ) o verificarsi spontaneamente ( somatiche ).
Insieme, le mutazioni BRCA1 e BRCA2 germinali rappresentano circa il 25-30% dei cancri della mammella ereditari, e circa il 3-6% di tutti i tumori mammari.

Studi epidemiologici hanno indicato che gli individui con carcinoma mammario mutato in gBRCA vengono diagnosticati nel periodo di 30-40 anni, circa 20 anni più giovane rispetto alla popolazione complessiva affetta da carcinoma mammario.

Il carcinoma mammario con mutazione BRCA è metastatico se la malattia diffonde oltre il seno o in altre parti del corpo, comprese le ossa, il fegato, i polmoni o il cervello.
Attualmente non esiste una cura per il carcinoma mammario metastatico, lo stadio più avanzato ( stadio IV ) della malattia. L'obiettivo del trattamento è ritardare o rallentare la progressione della malattia pur mantenendo la qualità di vita.
Le attuali linee guida cliniche europee e statunitensi raccomandano il test per la mutazione di gBRCA per fornire indicazioni terapeutiche per le pazienti con tumore mammario metastatico o localmente avanzato HER2-negativo. ( Xagena2019 )

Fonte: Pfizer, 2019

Onco2019 Gyne2019 Farma2019


Indietro