Farmaexplorer.it
Xagena Mappa
Medical Meeting
Mediexplorer.it

Keytruda per il carcinoma epatocellulare, approvato negli Stati Uniti


L' FDA ( Food and Drug Administration ) ha concesso l'approvazione accelerata a Keytruda ( Pembrolizumab ) per i pazienti con carcinoma epatocellulare ( HCC ) precedentemente trattati con Sorafenib ( Nexavar ).

L'approvazione si è basata su KEYNOTE 224, uno studio multicentrico a braccio singolo che ha arruolato 104 pazienti con carcinoma epatocellulare.

I pazienti dovevano avere una progressione della malattia mentre erano in trattamento con Sorafenib o in un periodo successivo, o essere intolleranti a Sorafenib, avere una malattia misurabile e una compromissione epatica di classe A Child-Pugh.

Il 21% dei pazienti arruolati era sieropositivo per HBV, il 25% era sieropositivo per HCV e 9 pazienti ( 9% ) erano sieropositivi sia per HBV che per HCV.

Sono stati esclusi i pazienti con malattia autoimmune attiva, epatite, condizioni mediche che richiedevano immunosoppressione o evidenza clinica di ascite mediante esame fisico.

I pazienti hanno ricevuto Pembrolizumab 200 mg come infusione endovenosa ogni tre settimane fino a progressione della malattia, tossicità inaccettabile, o fino a 24 mesi nei pazienti senza progressione della malattia.

La principale misura di esito di efficacia era rappresentata dal tasso di risposta globale, valutato mediante revisione centrale indipendente ( ICR ) secondo i criteri RECIST versione 1.1 ( modificati per seguire un massimo di 10 lesioni target e un massimo di 5 lesioni target per organo ).

Il tasso di risposta globale valutato da ICR è stato pari a 17% ( IC 95%: 11, 26 ), con 1 risposta completa e 17 risposte parziali.
La durata della risposta variava da 3.1 a 16.7 mesi; l'89% dei risponder aveva una durata della risposta di 6 mesi o più e il 56% aveva una durata della risposta di 12 mesi o più.

Le reazioni avverse verificatesi nei pazienti con carcinoma epatocellulare erano simili a quelle descritte nella scheda tecnica di Keytruda; tuttavia, sono stati riscontrati aumenti dell'incidenza di ascite di grado 3 o 4 ( 8% ) e di epatite immuno-mediata ( 2.9% ).
Anomalie di laboratorio di grado 3 e 4 che si sono verificate con un'incidenza maggiore rispetto agli altri studi di Pembrolizumab sono state alti livelli di AST [ aspartato amino transferasi ] ( 20% ), ALT [ alanina amino transferasi ] ( 9% ) e iperbilirubinemia ( 10% ).

La dose raccomandata di Pembrolizumab per il carcinoma epatocellulare è di 200 mg mediante somministrazione per infusione endovenosa per 30 minuti ogni 3 settimane. ( Xagena2018 )

Fonte: FDA, 2018

Onco2018 Gastro2018 Farma2018


Indietro