Alliance Cicatrici
Forum Infettivologico
Alliance Dermatite
Farmaexplorer.it

Carcinoma a cellule renali avanzato, Cabometyx in associazione a Nivolumab nel trattamento di prima linea - Approvazione nell'Unione Europea


La Commissione Europea ( EC ) ha approvato Cabometyx ( Cabozantinib ) in associazione a Nivolumab ( Opdivo ) per il trattamento di prima linea del carcinoma a cellule renali avanzato ( aRCC ).

L’approvazione si basa sui risultati dello studio di fase 3 CheckMate-9ER, pubblicati su The New England Journal of Medicine ( NEJM ) nel 2021.
Nello studio, Cabozantinib in associazione con Nivolumab ha dimostrato significativi miglioramenti per tutti gli endpoint di efficacia.

Nei pazienti che hanno ricevuto la combinazione, la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) mediana, endpoint primario dello studio, è raddoppiata rispetto ai pazienti che hanno ricevuto Sunitinib in monoterapia: 16.6 mesi versus 8.3 mesi ( hazard ratio, HR=0.51; IC 95%: 0.41 – 0.64; p inferiore a 0.0001 ).
Anche la sopravvivenza globale ( OS ) ha mostrato miglioramenti statisticamente significativi, riducendo il rischio di morte del 40% rispetto a Sunitinib ( HR=0.60; IC 98.89%: 0.40 – 0.89; p = 0.001; sopravvivenza globale mediana non-raggiunta nei due bracci ).

Inoltre, Cabozantinib in associazione a Nivolumab ha dimostrato un tasso di risposta obiettiva ( ORR ) superiore, con il doppio dei pazienti che hanno risposto rispetto a Sunitinib ( 55.7% vs 27.1%; p inferiore a 0.0001 ), e l’8.0% versus 4.6% ha ottenuto una risposta completa.

Risultati chiave di efficacia erano coerenti sia tra i gruppi di rischio secondo IMDC ( International Metastatic Renal Cell Carcinoma Database Consortium ) che tra sottogruppi di PD-L1.

La combinazione è risultata ben tollerata con profili di sicurezza noti dei componenti immunoterapico e inibitore tirosin-chinasico in prima linea nel carcinoma a cellule renali in fase avanzata.
Eventi avversi di qualsiasi causa di grado 3 o superiore si sono verificati nel 75.3% dei 320 pazienti che hanno ricevuto Cabozantinib più Nivolumab e nel 70.6% dei 320 pazienti trattati con Sunitinib.

Complessivamente, il 19.7% dei pazienti nel gruppo di combinazione ha interrotto almeno uno dei farmaci sperimentali a causa di eventi avversi e il 5.6% ha interrotto entrambi.

I pazienti hanno riportato una migliore qualità della vita correlata alla salute con Cabozantinib più Nivolumab rispetto a Sunitinib.

CheckMate-9ER è uno studio di fase 3 in aperto, randomizzato, multinazionale, che ha valutato pazienti con tumore a cellule renali avanzato o metastatico non-trattati in precedenza.
In totale, 651 pazienti ( 23% a rischio favorevole, 58% a rischio intermedio, 20% a rischio sfavorevole; 25% con espressione di PD-L1 maggiore o uguale a 1% ) sono stati randomizzati a ricevere Cabozantinib più Nivolumab ( n = 323 ) oppure Sunitinib ( n = 328 ).
L’endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione. Gli endpoint secondari comprendevano: la sopravvivenza globale e il tasso di risposta obiettiva.
L’analisi primaria di efficacia ha confrontato la duplice combinazione rispetto a Sunitinib in tutti i pazienti randomizzati.

Ogni anno, si registrano in tutto il mondo più di 400.000 nuove diagnosi di tumore al rene.
Il carcinoma a cellule renali ( RCC ) è il più comune tipo di tumore del rene, costituendo circa il 90% dei casi. Il carcinoma a cellule renali è due volte più frequente negli uomini e i pazienti maschi rappresentano più dei due terzi delle morti.
Se diagnosticato in stadio iniziale, il tasso di sopravvivenza a 5 anni è elevato, ma nei pazienti con forma avanzata o metastatica all’ultimo stadio il tasso di sopravvivenza è molto più basso, pari a circa il 12%. ( Xagena2021 )

Fonte: Ipsen, 2021

Uro2021 Nefro2021 Onco2021 Farma2021


Indietro