Ibuprofene
Alliance Dermatite
Farmaexplorer.it
Xagena Mappa

Carcinoma alla prostata metastatico resistente alla castrazione: approvato negli USA il primo inibitore PARP, Rubraca


Rubraca ( Rucaparib ) è il primo inibitore PARP approvato per l'uso in pazienti con carcinoma prostatico metastatico resistente alla castrazione ( mCRPC ) che ospita mutazioni deleterie in BRCA ( germinale e/o somatica ).
Il farmaco è indicato per l'uso nei pazienti che sono già stati trattati con terapia diretta ai recettori degli androgeni e chemioterapia a base di taxani.

La nuova indicazione nel cancro alla prostata ha ottenuto un'approvazione accelerata dalla Agenzia regolatoria degli Stati Uniti, FDA ( Food and Drug Administration ), sulla base dei tassi di risposta e dell'effetto sui livelli di antigene prostatico specifico ( PSA ) dallo studio TRITON2.

Le opzioni di trattamento standard per gli uomini con tumore mCRPC erano limitate alle terapie mirate ai recettori degli androgeni, alla chemioterapia con taxani, al Radio-223 e a Sipuleucel-T.

Nello studio TRITON2, la coorte ha riguardato 62 pazienti con una mutazione BRCA ( germinale e/o somatica ) e malattia misurabile; 115 pazienti con mutazione BRCA ( germinale e/o somatica ) e malattia misurabile o non-misurabile; e 209 pazienti con tumore mCRPC con deficit di ricombinazione omologa ( HRD ).

I principali esiti di efficacia erano il ​​tasso di risposta obiettiva ( ORR ) e la durata della risposta ( DOR ).
Anche il tasso di risposta di PSA era un endpoint prespecificato.

Per i pazienti con malattia misurabile e una mutazione BRCA, il tasso ORR è stato pari al 44%. L'ORR era simile per i pazienti con una mutazione BRCA germinale.

La durata mediana della risposta non era valutabile al cut-off dei dati, ma variava da 1.7 a 24+ mesi.

Dei 27 pazienti con una risposta obiettiva confermata, 15 ( 56% ) pazienti hanno mostrato una risposta che è durata 6 mesi o più.

In un'analisi di 115 pazienti con una mutazione BRCA ( germinale e/o somatica ) e malattia misurabile o non-misurabile, il tasso di risposta di PSA confermato è stato del 55%.

La valutazione della sicurezza si è basata su una analisi di 209 pazienti con tumore CRPC metastatico positivo per HRD e ha incluso 115 con mutazioni deleterie di BRCA.
Gli eventi avversi più comuni ( maggiori o uguali a 20%; grado 1–4 ) nei pazienti con mutazioni BRCA sono stati affaticamento / astenia ( 62% ), nausea ( 52% ), anemia ( 43% ), elevazione di AST / ALT ( 33% ) , riduzione dell'appetito ( 28% ), eruzione cutanea ( 27% ), costipazione ( 27% ), trombocitopenia ( 25% ), vomito ( 22% ) e diarrea ( 20% ).

Rucaparib è stato associato a tossicità ematologica, inclusa la sindrome mielodisplastica ( MDS ) e la leucemia mieloide acuta ( LMA ). Tuttavia, queste tossicità non sono state riscontrate nello studio TRITON2.

Rubraca è già approvato per il trattamento di donne con carcinoma ovarico positivo per la mutazione BRCA , in fase avanzata, che avevano ricevuto due o più precedenti chemioterapie.
Il farmaco è anche approvato come trattamento di mantenimento per le pazienti con tumore epiteliale dell'ovaio ricorrente, tuba di Falloppio o carcinoma peritoneale primario che hanno dimostrato una risposta completa o parziale alla chemioterapia a base di Platino, indipendentemente dallo stato di BRCA. ( Xagena2020 )

Fonte: FDA, 2020

Onco2020 Uro2020 Farma2020


Indietro