Farmaexplorer.it
Xagena Mappa
Medical Meeting
Mediexplorer.it

Carcinoma mammario localmente avanzato o metastatico HR-positivo / HER2-negativo: ampliata l'indicazione di Kisqali da parte della Commissione Europea


La Commissione europea ( CE ) ha approvato una estensione di indicazione per Kisqali ( Ribociclib ), un inibitore CDK4/6.

Kisqali è ora approvato nell'Unione europea ( UE ) per il trattamento delle donne con carcinoma mammario localmente avanzato o metastatico recettore ormonale positivo, recettore del fattore di crescita epidermico umano negativo ( HR + / HER2- ) in combinazione con Fulvestrant ( Faslodex ) come iniziale terapia endocrina, e nelle donne che hanno ricevuto una precedente terapia endocrina.
Kisqali è ora approvato anche in combinazione con la terapia endocrina e un agonista dell'ormone a rilascio di ormone luteinizzante ( LHRH ) nelle donne in pre-menopausa e peri-menopausa con carcinoma mammario HR +/HER2- localmente avanzato o metastatico.

L'estensione di indicazione si basa sui dati degli studi di fase III MONALEESA-7 e MONALEESA-3, che hanno dimostrato un miglioramento della sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) per i regimi basati su Ribociclib rispetto alla sola terapia endocrina.
I benefici di sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) sono stati osservati già 8 settimane dopo l'inizio del trattamento di associazione con Ribociclib.

Nello studio MONALEESA-7 di fase III, la combinazione di Ribociclib con un inibitore dell'aromatasi ha comportato un miglioramento di 14 mesi della sopravvivenza mediana libera da progressione, rispetto al solo inibitore dell'aromatasi a 27.5 mesi contro 13.8 mesi, rispettivamente ( hazard ratio, HR=0.569, IC 95%, 0.436-0.743 ).
I pazienti sono stati randomizzati a Ribociclib più Tamoxifene o un inibitore dell'aromatasi non-steroideo più Goserelin ( n = 335 ), o al trattamento endocrino più Goserelin ( n = 337 ).
Nell'intera popolazione studiata, la PFS mediana è stata di 23.8 mesi per il braccio Ribociclib rispetto a 13.0 mesi per il braccio di controllo ( HR=0.553, IC 95%, 0.441-0.694, P inferiore a 0.0001 ).
Tra tutti i pazienti, il tasso di risposta generale ( ORR ) è stato pari al 40.9% per il braccio Ribociclib rispetto al 29.7% per il braccio placebo ( P = 0.00098 ).
Nei pazienti con malattia misurabile, gli ORR erano del 50.9% contro il 36.4%, rispettivamente ( P = 0.000317 ).
Anche tra i pazienti con malattia misurabile, il tasso di beneficio clinico è stato del 79.9% contro il 67.3%, rispettivamente ( P =0.000340 ).

La combinazione di Ribociclib e di Fulvestrant si è basata sullo studio di fase III MONALEESA-3, in cui la sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 20.5 mesi nei pazienti randomizzati alla combinazione di Ribociclib rispetto a 12.8 mesi in quelli randomizzati a Fulvestrant più placebo ( HR=0.593, 95% CI , 0.480-0.732; P = 0.00000041 ).
In questo studio, 726 donne in postmenopausa con carcinoma mammario avanzato HER2-negativo, HR-positivo sono state randomizzate in un rapporto 2:1 a Ribociclib in combinazione con Fulvestrant o placebo.
L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione valutata dallo sperimentatore.
Quando Ribociclib è stato somministrato come terapia di prima linea, la sopravvivenza mediana libera da progressione non è stata raggiunta nel braccio Ribociclib, mentre era di 18.3 mesi nel gruppo placebo ( HR=0.577, IC 95%, 0.415-0.802 ).
Nel trattamento di seconda linea, la PFS mediana è stata di 14.8 mesi con Ribociclib versus 9.1 mesi con placebo ( HR=0.565, IC 95%, 0.428-0.744 ).
Nell'intera popolazione studiata, il tasso di risposta generale è stato del 32.4% con Ribociclib rispetto al 21.5% con placebo ( P = 0.000912 ).
Nei pazienti con malattia misurabile, l'ORR era rispettivamente del 40.9% e del 28.7% ( P = 0.003 ) con l'inibitore CDK4/6 e il placebo.
Il tasso di beneficio clinico è stato del 70.2% per Ribociclib rispetto al 62.8% per il placebo ( P = 0.020 ) nella coorte globale e del 69.4% contro il 59.7% ( P = 0.015 ), rispettivamente, nei pazienti con malattia misurabile.

In entrambi gli studi, gli eventi avversi più comuni riportati sono stati neutropenia, nausea, infezioni, affaticamento, diarrea, leucopenia, vomito, alopecia, cefalea, stitichezza, eruzione cutanea e tosse. ( Xagena2018 )

Fonte: Novartis, 2018

Onco2018 Gyne2018 Farma2018


Indietro