Farmaexplorer.it
Xagena Mappa
Medical Meeting
XagenaNewsletter

FDA: Opdivo più Yervoy come trattamento di prima linea dei pazienti con carcinoma polmonare metastatico non-a-piccole cellule con espressione di PD-L1 maggiore o uguale all'1%


Opdivo ( Nivolumab ) 3 mg/kg più Yervoy ( Ipilimumab ) 1 mg/kg ( entrambi per via endovenosa ) è stato approvato dalla Food and Drug Administration ( FDA ) statunitense per il trattamento di prima linea dei pazienti adulti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ), metastatico, i cui tumori esprimono PD-L1 ( maggiore o uguale all'1% ) come determinato da un test approvato dalla FDA, in assenza di aberrazioni genomiche EGFR o ALK.

Questa approvazione si basa sulla Parte 1a dello studio di fase 3 CheckMate -227 in cui la combinazione di Nivolumab e Ipilimumab ( n = 396 ) ha dimostrato una sopravvivenza globale ( OS ) superiore rispetto alla chemioterapia ( n = 397 ) ( hazard ratio [ HR ] 0.79; Intervallo di confidenza [ IC ] 95%: da 0.67 a 0.94; P = 0.0066 ), indipendentemente dall'istologia del tumore, con un follow-up minimo di 29.3 mesi.
La sopravvivenza globale mediana è stata di 17.1 mesi ( IC 95%: da 15.0 a 20.1 ) rispetto a 14.9 mesi ( IC 95%: da 12.7 a 16.7 ).
Nello studio, il 63% dei pazienti trattati con Nivolumab più Ipilimumab e il 56% trattati con chemioterapia erano vivi a 1 anno, e, rispettivamente, il 40% e il 33% a 2 anni.
A 3 anni ( follow-up mediano di 43.1 mesi ), il 33% dei pazienti trattati con Nivolumab più Ipilimumab e il 22% di quelli trattati con chemioterapia erano ancora vivi.
Come valutato da BICR ( Blinded Independent Central Review ), il tasso di risposta globale ( ORR ) con un follow-up minimo di 28.3 mesi è stato del 36% ( 142/396, IC 95%: da 31 a 41 ) con Nivolumab più Ipilimumab ( 5.8% risposta completa [ CR ] e risposta parziale [ PR ] al 30.1% ) e 30% ( 119/397, IC 95%: da 26 a 35 ) con chemioterapia ( 1.8% CR e 28,2% PR). Tra i pazienti che hanno risposto, la durata mediana della risposta ( DOR ) è stata di 23.2 mesi ( IC 95%: 15.2-32.2 ) per i pazienti trattati con Nivolumab più Ipilimumab e 6.2 mesi ( IC 95%: 5.6-7.4 ) per la chemioterapia.
ORR e DOR erano analisi descrittive predefinite.

I risultati dello studio CheckMate -227 hanno dimostrato che un doppio approccio di immunoterapia offre una possibilità di sopravvivenza a lungo termine per i pazienti idonei con tumore NSCLC metastatico.

CheckMate -227

CheckMate -227 è uno studio randomizzato, in aperto, di fase 3 multicentrico, che sta valutando Nivolumab + Ipilimumab rispetto alla chemioterapia con doppietto di Platino in pazienti con tumore NSCLC metastatico o ricorrente, non-trattato in precedenza, con istologie tumorali non-squamose e squamose.
La Parte 1a dello studio ha arruolato pazienti con tumori esprimenti PD-L1 ( maggiore o uguale all'1% ).
I campioni di tumore sono stati valutati in modo prospettico usando il saggio immunoistochimico PD-L1 IHC 28-8 pharmDx presso un laboratorio centrale.
I criteri chiave di ammissibilità includevano pazienti di 18 anni o più con tumore in stadio IV o ricorrente, stato ECOG 0/1 e nessuna precedente terapia antitumorale sistemica.
Sono stati esclusi dallo studio i pazienti con mutazioni note di EGFR o traslocazioni di ALK sensibili alla terapia con inibitori mirati disponibili, metastasi cerebrali non-trattate, meningite carcinomatosa, malattia autoimmune attiva o condizioni mediche richiedenti immunosoppressione sistemica.
Trecentonovantasei pazienti hanno ricevuto Nivolumab 3 mg/kg Q2W [ una volta ogni 2 settimane ]+ Ipilimumab 1 mg/kg Q6W [ una volta ogni 6 settimane ] e 397 pazienti hanno ricevuto la chemioterapia doppietto di Platino una volta ogni 3 settimane [ Q3W ].
I pazienti randomizzati alla chemioterapia con istologia non-squamosa hanno ricevuto Pemetrexed e Cisplatino o Carboplatino con mantenimento opzionale di Pemetrexed dopo chemioterapia, mentre i pazienti con istologia squamosa hanno ricevuto Gemcitabina e Cisplatino o Carboplatino.
Il trattamento è continuato fino a progressione della malattia, tossicità inaccettabile o fino a 24 mesi.
L'endpoint primario di efficacia era la sopravvivenza globale. Ulteriori misure di efficacia comprendevano: la sopravvivenza libera da progressione, il tasso di risposta globale e la durata della risposta, valutati da BICR.

Reazioni avverse gravi si sono verificate nel 58% dei pazienti.
Nivolumab più Ipilimumab è stato sospeso per reazioni avverse nel 24% dei pazienti e il 53% aveva almeno una dose sospesa a causa di una reazione avversa.
Le reazioni avverse gravi più frequenti ( maggiori o uguali al 2% ) sono state polmonite, diarrea / colite, polmonite, epatite, embolia polmonare, insufficienza surrenalica e ipofisite.
Le reazioni avverse fatali si sono verificate nell'1.7% dei pazienti; questi includevano eventi di polmonite ( n=4 ), miocardite, danno renale acuto, shock, iperglicemia, insufficienza d'organo multi-sistemica e insufficienza renale.
Le reazioni avverse più comuni ( maggiori o uguali al 20% ) sono state affaticamento ( 44% ), eruzione cutanea ( 34% ), riduzione dell'appetito ( 31% ), dolore muscoloscheletrico ( 27% ), diarrea / colite ( 26% ), dispnea ( 26% ), tosse ( 23% ), epatite ( 21% ), nausea ( 21% ) e prurito ( 21% ). ( Xagena2020 )

Fonte: BMS, 2020

Onco2020 Pneumo2020 Farma2020


Indietro