Farmaexplorer.it
Xagena Mappa
Medical Meeting
Farmaexplorer.it

Keytruda per il trattamento adiuvante dei pazienti con melanoma con coinvolgimento linfonodale dopo resezione completa, approvato dalla FDA

 
La FDA ( Food and Drug Administration ) ha approvato Keytruda ( Pembrolizumab ), terapia anti-PD-1, per il trattamento adiuvante dei pazienti con melanoma con coinvolgimento dei linfonodi dopo resezione completa, sulla base dei risultati dello studio EORTC1325 / KEYNOTE -054.

Questo studio, condotto in collaborazione con l'Organizzazione europea per la ricerca e il trattamento del cancro ( EORTC ), ha dimostrato che Pembrolizumab prolunga significativamente la sopravvivenza libera da recidiva ( RFS ), riducendo il rischio di recidiva o morte del 43% rispetto al placebo nei pazienti con melanoma di stadio III resecato ad alto rischio ( hazard ratio, HR = 0.57 [ IC 95%, 0.46, 0.70 ], p inferiore a 0.001 ).
Pembrolizumab è la prima terapia anti-PD-1 studiata nel setting adiuvante tra i pazienti con melanoma in stadio IIIA ( metastasi linfonodali di oltre 1 mm ), IIIB e IIIC.

EORTC1325 / KEYNOTE-054 è uno studio di fase 3, multicentrico, randomizzato, controllato con placebo, in doppio cieco, in pazienti con melanoma in stadio IIIA completamente resecato ( metastasi linfonodali più di 1 mm ), IIIB o IIIC. In totale, lo studio ha arruolato 1.019 pazienti che sono stati randomizzati in un rapporto 1:1 a ricevere Pembrolizumab 200 mg ogni tre settimane ( n = 514 ) oppure placebo ( n = 505 ) fino a 1 anno o fino alla recidiva o a una tossicità inaccettabile.
La randomizzazione è stata stratificata in base agli stadi dell'American Joint Committee on Cancer 7th edition ( AJCC ) ( IIIA versus IIIB versus IIIC linfonodi positivi 1-3 versus IIIC maggiore o uguale a 4 linfonodi positivi ) e regione geografica ( Nord America, Paesi europei, Australia e altri Paesi ). I pazienti dovevano aver subito una dissezione linfonodale e, se indicato, radioterapia entro 13 settimane prima di iniziare il trattamento.

Le principali misure di outcome di efficacia erano la sopravvivenza libera da recidiva valutata dallo sperimentatore nell'intera popolazione e nella popolazione con tumori PD-L1-positivi in ​​cui la sopravvivenza libera da recidiva era definita come il tempo tra la data della randomizzazione e la data della prima recidiva ( metastasi locali, regionali o distanti ) o decesso.
I pazienti sono stati sottoposti a imaging ogni 12 settimane dopo la prima dose di Pembrolizumab per i primi due anni, poi ogni sei mesi dall'anno tre al cinque, e poi ogni anno.

Tra i 1.019 pazienti, le caratteristiche basali erano: età media di 54 anni ( range, da 19 a 88 anni, 25% di età pari o superiore a 65 anni ), 62% uomo, e performance status ECOG di 0 ( 94% ) e 1 ( 6% ).
Il 16% era in stadio IIIA; il 46% era in stadio IIIB; il 18% in stadio IIIC ( 1-3 linfonodi positivi ) e il 20% era in stadio IIIC ( maggiore o uguale a 4 linfonodi positivi ).
Il 50% era positivo alla mutazione BRAF V600 e il 44% era BRAF wild-type.
L' 84% presentava un melanoma PD-L1-positivo determinato dal punteggio di proporzione del tumore ( TPS maggiore o uguale all'1% ).

I pazienti con malattia autoimmune attiva o con una condizione medica che richiedeva l'immunosoppressione o con melanoma mucosale o melanoma oculare non erano eleggibili.

La reazione avversa più comune ( riportata in almeno il 20% dei pazienti dello studio ) è stata la diarrea ( 28% ). ( Xagena2019 )

Fonte: Merck, 2019

Onco2019 Dermo2019 Farma2019


Indietro