Farmaexplorer.it
Xagena Mappa
Medical Meeting
Onco News

La Commissione europea ha approvato l'uso esteso di Erleada nel trattamento dei pazienti con cancro alla prostata ormono-sensibile metastatico


La Commissione europea ( CE ) ha concesso l'autorizzazione per l'uso esteso di Erleada ( Apalutamide ) includendo il trattamento degli uomini adulti con carcinoma prostatico sensibile all'ormone metastatico ( mHSPC ) in combinazione con la terapia di deprivazione androgenica ( ADT ).

L'approvazione si basa sui dati dello studio di fase 3, TITAN, che ha valutato l'aggiunta di Apalutamide alla terapia di deprivazione androgenica in una ampia gamma di pazienti con tumore mHSPC, indipendentemente dal volume della malattia, prima del trattamento con Docetaxel o stadiazione alla diagnosi iniziale.
I due endpoint primari dello studio erano la sopravvivenza globale ( OS ) e la sopravvivenza libera da progressione radiografica ( rPFS ).
Apalutamide più terapia di deprivazione androgenica ha migliorato significativamente la sopravvivenza globale rispetto al placebo più terapia ADT con una riduzione del 33% nel rischio di morte ( hazard ratio, HR = 0.67; IC al 95%, 0.51-0.89; p = 0.0053 ).
In entrambi i bracci di studio, la sopravvivenza globale mediana non è stata raggiunta.
Apalutamide più terapia ADT ha anche migliorato significativamente la sopravvivenza libera da progressione radiografica rispetto al placebo più terapia ADT con una riduzione del 52% del rischio di progressione radiografica o morte rispetto al placebo più terapia ADT ( HR = 0.48; IC al 95%, 0.39-0-60; p inferiore a 0.0001 ). La sopravvivenza libera da progressione radiografica mediana è stata di 22.1 mesi per placebo più terapia ADT e non-raggiunta per Apalutamide più terapia ADT.
I tassi di sopravvivenza globale a due anni, dopo un follow-up mediano di 22.7 mesi, sono stati dell'82% per Apalutamide più terapia ADT rispetto al 74% per placebo più terapia ADT.
Questi risultati sono stati pubblicati su The New England Journal of Medicine.

Il profilo di sicurezza osservato nello studio TITAN per Apalutamide più terapia ADT era coerente con quello descritto in studi precedenti.
Nello studio, il 42% dei pazienti trattati con Apalutamide più terapia ADT ha manifestato eventi avversi di grado 3/4, rispetto al 41% dei pazienti trattati con placebo più terapia ADT.
I più comuni effetti indesiderati di grado 3 o superiore per Apalutamide più terapia ADT rispetto a placebo più terapia ADT sono stati ipertensione ( 8.4% versus 9.1% ) ed eruzione cutanea ( 6.3% vs 0.6% ).
L'interruzione del trattamento a causa degli effetti avversi è stata dell'8% nel braccio Apalutamide rispetto al 5% nel braccio placebo.

Nell'Unione Europea, Apalutamide è anche approvata per l'uso negli adulti con carcinoma prostatico resistente alla castrazione non-metastatico ( nmCRPC ) che sono ad alto rischio di sviluppare malattia metastatica.

TITAN è uno studio randomizzato, controllato con placebo, in doppio cieco che ha riguardato uomini con tumore mHSPC, indipendentemente dall'entità della malattia o dalla precedente storia di trattamento con Docetaxel.
Lo studio ha incluso 1.052 pazienti nella popolazione intent-to-treat ( ITT ) in 23 Paesi in 260 siti in Nord America, America Latina, Sud America, Europa e Asia Pacifico.
I pazienti con tumore mHSPC sono stati randomizzati in un rapporto 1:1 e hanno ricevuto Apalutamide ( 240 mg ) più terapia di deprivazione androgenica ( n = 525 ) oppure placebo più terapia ADT ( n = 527 ).
L'arruolamento è durato da dicembre 2015 a luglio 2017.
Lo studio ha incluso un'ampia popolazione di pazienti con tumore mHSPC, tra cui pazienti con patologie a basso e alto volume, quelli con recente diagnosi oncologica o quelli che avevano ricevuto una precedente terapia locale definitiva o un trattamento precedente con un massimo di sei cicli di Docetaxel o fino a sei mesi di terapia ADT per carcinoma alla prostata I partecipanti sono stati trattati fino a progressione della malattia o all'insorgenza di tossicità inaccettabile correlata al trattamento.
Gli endpoint primari dello studio erano rappresentati dalla sopravvivenza globale e dalla sopravvivenza libera da progressione radiografica. Gli endpoint secondari includevano il tempo alla chemioterapia citotossica, il tempo di progressione del dolore, il tempo di uso cronico di oppioidi e il tempo di eventi scheletrici. Gli endpoint esplorativi includevano il tempo alla progressione del PSA ( antigene prostatico specifico ), il tempo alla seconda sopravvivenza libera da progressione e il tempo alla progressione sintomatica.

Il carcinoma prostatico sensibile-agli-ormoni metastatico, noto anche come carcinoma prostatico metastatico sensibile-alla-castrazione ( mCSPC ), si riferisce al carcinoma alla prostata che risponde ancora alla terapia di deprivazione androgenica e con diffusione ad altre parti del corpo.
I pazienti con carcinoma alla prostata metastatico sensibile-agli-ormoni tendono ad avere una prognosi sfavorevole, con una sopravvivenza globale mediana inferiore a cinque anni. ( Xagena2020 )

Fonte: Janssen, 2020

Uro2020 Onco2020 Farma2020


Indietro