Forum Infettivologico
Farmaexplorer.it
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

La FDA ha approvato una terapia aggiuntiva per abbassare il colesterolo negli adulti con ipercolesterolemia familiare eterozigote o malattia cardiovascolare aterosclerotica clinica


La FDA ( Food and Drug Administration ) ha approvato Leqvio ( Inclisiran ) come trattamento iniettivo da utilizzare assieme alla dieta e alla terapia con statine massimamente tollerate per gli adulti con ipercolesterolemia familiare eterozigote ( HeFH ) o malattia cardiovascolare aterosclerotica ( ASCVD ) clinica che richiedono una ulteriore riduzione dei livelli di colesterolo LDL.

Leqvio è approvato a una dose di 284 mg somministrata come iniezione sottocutanea iniziale, una seconda dose a 3 mesi e il trattamento continuato una volta ogni 6 mesi.

L'ipercolesterolemia familiare eterozigote è una condizione pericolosa per la vita in cui i pazienti hanno una mutazione in un piccolo gruppo di geni che controlla il modo in cui l'organismo elimina il colesterolo. Di conseguenza, i pazienti hanno livelli estremamente elevati di colesterolo LDL.
Le persone con ipercolesterolemia HeFH hanno generalmente livelli di colesterolo da due a tre volte superiori al normale. Questi individui sono ad aumentato rischio di eventi cardiovascolari, come infarto del miocardio, ictus e malattia coronarica. L'ipercolesterolemia familiare eterozigote si verifica in circa 1 persona su 250.

L'efficacia di Leqvio è stata studiata in tre studi randomizzati, in doppio cieco, controllati con placebo che hanno arruolato 3.457 adulti con ipercolesterolemia familiare eterozigote o malattia cardiovascolare aterosclerotica clinica. I partecipanti arruolati stavano assumendo la terapia con statine alla dose massima tollerata, ma richiedevano un ulteriore abbassamento del colesterolo LDL in base al rischio di eventi cardiovascolari.
In tutti e tre gli studi, la principale misura di esito dell'efficacia era la variazione percentuale del colesterolo LDL dall'inizio dello studio al giorno 510 ( mese 17 ).
In ciascun studio, i partecipanti hanno ricevuto iniezioni sottocutanee di 284 mg di Leqvio o di un placebo ai giorni: 1, 90 ( mese 3 ), 270 ( mese 9 ) e 450 ( mese 15 ).

Lo studio 1 ha arruolato 1.561 adulti con malattia cardiovascolare aterosclerotica. Al giorno 510, il gruppo Leqvio ha mostrato una diminuzione media del colesterolo LDL del 51% mentre il gruppo placebo ha presentato un aumento medio del colesterolo LDL dell'1%.

Lo studio 2 ha arruolato 1.414 adulti con malattia cardiovascolare aterosclerotica. Al giorno 510, nel gruppo Leqvio è stata osservata una diminuzione media del colesterolo LDL del 46% mentre il gruppo placebo ha presentato un aumento medio del colesterolo LDL del 4%.

Lo studio 3 ha arruolato 482 adulti con ipercolesterolemia familiare eterozigote. Al giorno 510, nel gruppo Leqvio è stata riscontrata una diminuzione media del colesterolo LDL del 40% mentre il gruppo placebo ha avuto un aumento medio del colesterolo LDL dell'8%.

L'effetto di Leqvio sulla morbilità cardiovascolare e sulla mortalità non è stato determinato.

Gli effetti collaterali comuni di Leqvio hanno incluso: reazione al sito di iniezione, rigidità articolare, infezione del tratto urinario, diarrea, bronchite, dolore alle estremità e difficoltà respiratorie.

La malattia cardiovascolare aterosclerotica comporta l'accumulo di placca di colesterolo nelle arterie. Circa 18.3 milioni di adulti statunitensi ( 8% ) soffrono di una malattia cardiovascolare aterosclerotica.
La malattia cardiovascolare aterosclerotica clinica è un termine generico e ha incluso condizioni come sindromi coronariche acute ( improvvisa riduzione del flusso ematico a livello cardiaco ), malattia arteriosa periferica, infarto del miocardio e ictus. ( Xagena2021 )

Fonte: FDA, 2021

Endo2021 Cardio2021 Farma2021


Indietro