Farmaexplorer.it
Xagena Mappa
Medical Meeting
Pneumobase.it

L'FDA ha ampliato le indicazioni di Alimta per il trattamento di prima linea del tumore del polmone non-a-piccole cellule non-squamoso metastatico indipendentemente dall'espressione di PD-L1


L'Agenzia regolatoria degli Stati Uniti, FDA ( Food and Drug Administration ), ha esteso l'approvazione del Pemetrexed ( Alimta ) per via iniettiva includendo l'uso in combinazione con Pembrolizumab ( Keytruda ) e chemioterapia a base di Platino per il trattamento di prima linea del carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) non-squamoso metastatico.

L'approvazione si applica ai pazienti che non presentano alterazioni tumorali di EGFR e ALK.

Pemetrexed è un chemioterapico indicato per diversi sottogruppi specifici di pazienti con tumore NSCLC, così come il trattamento iniziale dei pazienti con mesotelioma pleurico maligno con malattia non-resecabile o in pazienti non-candidati alla chirurgia curativa.

La nuova indicazione dell'FDA si basa sui risultati dello studio randomizzato di fase 3 KEYNOTE-189, che ha riguardato 616 pazienti non-trattati con tumore NSCLC metastatico non-squamoso, indipendentemente dall'espressione di PD-L1.
I pazienti non presentavno aberrazioni di ALK o EGFR e non avevano ricevuto una precedente terapia sistemica per malattia avanzata.

I ricercatori hanno assegnato in modo casuale 405 pazienti a Pemetrexed più Pembrolizumab e Cisplatino o Carboplatino.
Gli altri 202 pazienti hanno ricevuto Pemetrexed più placebo e Cisplatino o Carboplatino.

La sopravvivenza globale ( OS ) e la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) valutate mediante revisione centrale indipendente in cieco, hanno rappresentato gli endpoint primari.
Il tasso di risposta generale ( ORR ) e la durata della risposta ( DoR ) fungevano da endpoint secondari.

I pazienti assegnati al regime Pemetrexed - Pembrolizumab hanno raggiunto una sopravvivenza mediana libera da progressione significativamente più lunga ( 8.8 mesi contro 4.9 mesi; hazard ratio HR=0.52, IC 95%, 0.43-0.64 ) e sopravvivenza generale ( non-raggiunta versus 11.3 mesi; HR= 0.49; 95% CI, 0.38-0.64 ).

Le più comuni reazioni avverse di qualsiasi grado che si sono verificate nel gruppo Pemetrexed - Pembrolizumab sono state nausea ( 56% ), affaticamento ( 56% ), costipazione ( 35% ), diarrea ( 31% ), diminuzione dell'appetito ( 28% ), rash ( 25% ), vomito ( 24% ), tosse ( 21% ), dispnea ( 21% ) e piressia ( 20% ).

Il 23% dei pazienti assegnati al trattamento con Pemetrexed - Pembrolizumab ha interrotto il trattamento a causa di reazioni avverse, in particolare danno renale ( 3% ) e polmonite ( 2% ).

Le reazioni avverse che hanno portato alla interruzione di Pemetrexed si sono presentate nel 49% dei pazienti; le più comuni sono state: neutropenia ( 12% ), anemia ( 7% ), astenia ( 4% ), polmonite ( 4 % ) e trombocitopenia ( 4% ).

A giugno 2018, l'FDA aveva concesso un'approvazione accelerata a Pemetrexed in combinazione con Pembrolizumab e Carboplatino per il trattamento di prima linea del tumore al polmone non-a-piccole cellule non-squamoso metastatico. L'Agenzia regolatoria aveva basato l'approvazione accelerata sui tassi di risposta del tumore e sui dati di sopravvivenza libera da progressione dello studio di fase 2 KEYNOTE-021.
Ulteriori dati da KEYNOTE-189 hanno spinto l'FDA a convertire l'approvazione accelerata in approvazione completa. ( Xagena )

Fonte: FDA, 2019

Onco2019 Pneumo2019 Farma2019


Indietro