Farmaexplorer.it
Xagena Mappa
Medical Meeting
Neurobase.it

L'FDA ha approvato l'Isturisa per gli adulti con malattia di Cushing


L'Agenzia regolatoria statunitense FDA ( U.S. Food and Drug Administration ) ha approvato le compresse orali di Isturisa ( Osilodrostat ) per adulti con malattia di Cushing che non possono sottoporsi a un intervento chirurgico alla ghiandola pituitaria o hanno subito un intervento chirurgico ma hanno ancora la malattia.

La malattia di Cushing è una malattia rara in cui le ghiandole surrenali producono troppo cortisolo.

Isturisa è il primo farmaco approvato dalla FDA ad affrontare direttamente questa sovrapproduzione di cortisolo bloccando l'enzima noto come 11-beta-idrossilasi e prevenendo la sintesi di cortisolo.

La malattia di Cushing è causata da un tumore ipofisario che rilascia troppo ormone chiamato adrenocorticotropina, che stimola la ghiandola surrenale a produrre una quantità eccessiva di cortisolo.
La malattia è più comune tra gli adulti di età compresa tra 30 e 50 anni e colpisce le donne con una incidenza tre volte maggiore rispetto agli uomini.
La malattia di Cushing può causare significativi problemi di salute, come ipertensione, obesità, diabete mellito di tipo 2, coaguli di sangue a livello di arti inferiori e a livello polmonare, perdita ossea e fratture, indebolimento del sistema immunitario e depressione.

La sicurezza e l'efficacia di Isturisa nel trattamento della malattia di Cushing tra gli adulti è stata valutata in uno studio su 137 pazienti ( circa tre quarti donne ) con un'età media di 41 anni. La maggior parte dei pazienti era stata sottoposta a chirurgia ipofisaria per malattia di Cushing o non era candidata alla chirurgia.

Nel periodo di 24 settimane, a braccio singolo, in aperto, tutti i pazienti hanno ricevuto una dose iniziale di 2 mg di Osilodrostat due volte al giorno che poteva essere aumentata ogni due settimane fino a 30 mg due volte al giorno.
Alla fine di questo periodo di 24 settimane, circa la metà dei pazienti presentava livelli di cortisolo entro limiti normali.
In seguito, 71 pazienti che non avevano avuto bisogno di ulteriori aumenti della dose e hanno tollerato il farmaco nelle ultime 12 settimane sono entrati in uno studio di sospensione randomizzato di 8 settimane, in doppio cieco, in cui hanno ricevuto Osilodrostat oppure placebo. Alla fine di questo periodo di sospensione, l'86% dei pazienti trattati con Osilodrostat ha mantenuto i livelli di cortisolo entro limiti normali rispetto al 30% dei pazienti che avevano assunto il placebo.

Gli effetti indesiderati più comuni riportati nella sperimentazione clinica per Isturisa sono stati insufficienza surrenalica, mal di testa, vomito, nausea, affaticamento ed edema.
Nelle persone che assumono Isturisa possono verificarsi anche ipocortisolismo, prolungamento dell'intervallo QTc e aumenti dei precursori dell'ormone surrenale e degli androgeni.

Isturisa viene assunto per via orale due volte al giorno, al mattino e alla sera. Dopo l'inizio del trattamento, è possibile rivalutare il dosaggio, in base alla risposta del paziente.

Isturisa ha ricevuto la designazione di farmaco orfano, che è uno status speciale concesso a un farmaco destinato a trattare una malattia o una condizione rara. ( Xagena2020 )

Fonte: FDA, 2020

Endo2020 Farma2020


Indietro