Farmaexplorer.it
Xagena Mappa
Medical Meeting
Onco News

L’FDA ha approvato Opdivo, un inibitore del checkpoint PD-1, nei pazienti con carcinoma uroteliale localmente avanzato o metastatico trattati in precedenza


La FDA ( Food and Drug Administration ) ha approvato Opdivo ( Nivolumab ) per uso endovenoso nel trattamento dei pazienti con carcinoma uroteliale localmente avanzato o metastatico con progressione della malattia durante o dopo chemioterapia contenente Platino o con progressione della malattia entro 12 mesi dal trattamento neoadiuvante o adiuvante con chemioterapia contenente Platino.
Questa indicazione è stata approvata mediante iter accelerato sulla base del tasso di risposta del tumore e della durata della risposta.
L’approvazione definitiva per questa indicazione può essere subordinata alla valutazione e all’identificazione dei benefici in studi clinici di conferma.

La dose raccomandata per il carcinoma uroteliale metastatico è di 240 mg di Nivolumab, somministrato mediante infusione endovenosa in 60 minuti ogni due settimane, fino a progressione della malattia o tossicità inaccettabile.
Nello studio CheckMate -275, il 19.6% ( IC 95%: 15.1-24.9; 53/270 ) dei pazienti ha risposto al trattamento con Nivolumab.
La percentuale dei pazienti con una risposta completa è stata del 2.6% ( 7/270 ) e la percentuale dei pazienti con una risposta parziale è stata del 17% ( 46/270 ).
Tra i responder, la durata mediana della risposta è stata di 10.3 mesi.
Il tempo mediano alla risposta è stato di 1.9 mesi.

L'Agenzia regolatoria degli Stati Uniti, FDA, aveva concesso la revisione prioritaria e in precedenza aveva concesso la designazione di terapia breakthrough ( fortemente innovativa ) per Opdivo nel trattamento del carcinoma uroteliale localmente avanzato o metastatico con progressione della malattia durante o dopo la chemioterapia contenente Platino o con progressione della malattia entro 12 mesi dal trattamento neoadiuvante o adiuvante con la chemioterapia contenente Platino.

CheckMate -275 era uno studio di fase 2, in aperto, a braccio singolo, multicentrico che ha valutato Nivolumab nei pazienti con carcinoma uroteliale localmente avanzato o metastatico che hanno una progressione della malattia durante o dopo il trattamento con chemioterapia contenente Platino o che hanno una progressione della malattia entro 12 mesi dal trattamento neoadiuvante o adiuvante con chemioterapia contenente Platino.
In questo studio, 270 pazienti hanno ricevuto Nivolumab 3 mg/kg, somministrato per via endovenosa ogni due settimane fino a progressione della malattia o tossicità inaccettabile.
La dose raccomandata è di 240 mg somministrata come infusione endovenosa in 60 minuti ogni due settimane fino a progressione della malattia o tossicità inaccettabile.

L'endpoint primario era il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) confermato sulla base della definizione di un Comitato indipendente di revisione radiografica ( IRRC ).

L'età mediana dei pazienti partecipanti allo studio era di 66 anni ( range: 38-90 ), e il 29% dei pazienti aveva ricevuto due o più precedenti regimi sistemici nel contesto metastatico prima di essere arruolati nello studio.
I pazienti sono stati inclusi nello studio indipendentemente dal loro status di espressione di PD-L1.

Nello studio, l'efficacia è stata valutata in 270 pazienti con 6 mesi di follow-up mediante ORR confermato come indicato da IRRC; Nivolumab è risultato associato a un tasso di risposta obiettiva del 19.6%.

L’efficacia in base all'espressione PD-L1 è stata la seguente: PD-L1 inferiore all'1% ( n=146), ORR= 15.1% ( n=22 ) versus PD-L1 maggiore o uguale a 1%, ORR = 25.0% ( n=31 ); rispettivamente, tasso di risposta completa ( CR ): 0.7% ( n=1 ) vs 4.8% ( n=6 ); tasso di risposta parziale ( PR ): 14.4% ( n=21 ) vs 20.2% ( n=25 ).
.
La sicurezza di Nivolumab è stata studiata in 270 pazienti nello studio CheckMate -275. I pazienti sono stati trattati con Nivolumab per una mediana di 3.3 mesi ( range: 0-13.4+ ).
In questo studio, gli eventi avversi gravi si sono verificati nel 54% dei pazienti. I più frequenti eventi avversi gravi riportati in almeno il 2% dei pazienti sono stati: infezione del tratto urinario, sepsi, diarrea, ostruzione del piccolo intestino, e generale deterioramento della salute fisica.
Le reazioni avverse più comuni ( maggiori o uguali al 20% ) sono state: affaticamento ( 46% ), dolore muscolo-scheletrico ( 30% ), nausea ( 22% ), e diminuzione dell'appetito ( 22% ).

Il trattamento con Nivolumab è stato interrotto a causa di reazioni avverse nel 17% dei pazienti, e nel 46% dei pazienti la somministrazione del farmaco è stata ritardata per una reazione avversa.
La morte correlata al trattamento si è verificata in quattro pazienti a causa di polmonite o di insufficienza cardiovascolare.

Il carcinoma della vescica, che di solito ha inizio nelle cellule che rivestono l'interno della vescica, è il quinto tumore più comunemente diagnosticato negli Stati Uniti, con una stima di 77.000 nuove diagnosi nel 2016 e più di 16.000 morti.
Il carcinoma uroteliale è il tipo più comune di cancro della vescica, che rappresenta circa il 90% delle diagnosi.
La maggior parte dei tumori della vescica è diagnosticato in una fase iniziale, ma i tassi di recidiva e la progressione sono alti e circa il 50-70% dei pazienti va incontro a recidiva entro 5 anni. ( Xagena2017 )

Fonte: BMS, 2017

Onco2017 Uro2017 Farma2017


Indietro