Farmaexplorer.it
Xagena Mappa
Medical Meeting
XagenaNewsletter

Macroglobulinemia di Waldenstrom: approvato Imbruvica in Europa


La Commissione Europea ha approvato Imbruvica ( Ibrutinib ) quale primo e unico trattamento per i pazienti con macroglobulinemia di Waldenstrom ( WM ), un raro tipo di linfoma indolente a cellule B.

L'approvazione si basa sui risultati di uno studio clinico di fase II, multicentrico, che ha valutato l'efficacia e la tollerabilità di Ibrutinib 420 mg una volta die in 63 pazienti con macroglobulinemia di Waldenstrom, precedentemente sottoposti a trattamento.
L’età media dei pazienti era di 63 anni [ range: 44-86 anni ].

In questo studio, Ibrutinib ha dimostrato un tasso di risposta obiettiva ( ORR ) del 90.5% ( 57 su 63 pazienti ) utilizzando i criteri dell’International Workshop on Waldenström’s macroglobulinemia.
Undici pazienti ( 17% ) ha raggiunto una risposta minore, 36 pazienti ( 57% ) hanno raggiunto una risposta parziale e 10 pazienti ( 16% ) una risposta parziale molto buona.

I tempi mediani di risposta parziale o almeno minore sono stati, rispettivamente, 4 e 8 settimane.

Gli endpoint secondari comprendevano la sopravvivenza libera da progressione e la sicurezza e la tollerabilità di Ibrutinib nei pazienti sintomatici con macroglobulinemia di Waldenstrom recidivante / remittente.
I tassi stimati di sopravvivenza libera da progressione a 2 anni e la sopravvivenza globale tra tutti i pazienti sono stati, rispettivamente, pari a 69.1% e 95.2%.

La reazione avversa che si è verificata più comunemente nello studio riguardante la macroglobulinemia di Waldenstrom ( n=14, 22% ) è stata la neutropenia ( diminuzione della quantità di neutrofili nel sangue ).
La trombocitopenia ( diminuzione delle piastrine nel sangue ) si è verificata in 9 pazienti ( 14% ), e altri eventi avversi hanno interessato meno di 5 pazienti ( inferiore a 10% ) ciascuno.
Quattro pazienti ( 6% ) che hanno ricevono Ibrutinib hanno interrotto il trattamento a causa di neutropenia o trombocitopenia. Inoltre, questi due eventi avversi hanno portato alla riduzione del dosaggio in 3 pazienti ( 5% ).

Ibrutinib è il capostipite degli inibitori della tirosin chinasi di Bruton ( BTK ), che agisce formando un forte legame covalente con BTK per bloccare la trasmissione dei segnali di sopravvivenza cellulare all'interno delle cellule B maligne.
Bloccando la proteina BTK, Ibrutinib causa la morte delle cellule maligne, riducendo il numero di cellule tumorali. Viene rallentato in tal modo il peggioramento della malattia tumorale.

La macroglobulinemia di Waldenstrom è un raro linfoma a lenta crescita che interessa i linfociti B. La macroglobulinemia di Waldenstrom produce un cambiamento maligno della cellula B durante la sua maturazione. Si vengono a formare grandi quantità di un certo tipo di anticorpi ( immunoglobuline M [ IgM ] ). Gli anticorpi IgM normalmente combattano le infezioni.
L'eccesso di IgM fa sì che il sangue risulti più denso; ciò è causa di molti dei sintomi della macroglobulinemia di Waldenstrom, compreso l’eccesso di sanguinamento e problemi con la visione e a livello del sistema nervoso. ( Xagena2015 )

Fonte: Janssen, 2015

Onco2015 Emo2015 Farma2015


Indietro