Farmaexplorer.it
Xagena Mappa
Medical Meeting
Onco News

Tagrisso per il trattamento di prima linea del carcinoma polmonare non-a-piccole cellule con mutazione di EGFR, approvato nell'Unione europea


La Commissione europea ha concesso l'autorizzazione alla commercializzazione di Tagrisso ( Osimertinib ), un inibitore irreversibile di terza generazione della tirosin-chinasi di EGFR ( EGFR-TKI ), in monoterapia, per il trattamento di prima linea dei pazienti adulti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule localmente avanzato o metastatico ( NSCLC ) con mutazioni attivanti il dominio tirosin-chinasico del gene EGFR ( recettore del fattore di crescita epidermico ).
L'approvazione si basa sui risultati dello studio di fase III FLAURA, pubblicato su The New England Journal of Medicine ( NEJM ).

Lo studio FLAURA sta cambiando la pratica medica nel trattamento di prima linea del tumore NSCLC EGFR-mutato.
Il beneficio di sopravvivenza senza progressione osservato nello studio è senza precedenti per i pazienti con una mutazione di EGFR, e questo beneficio è risultato costante in tutti i sottogruppi, inclusi i pazienti con o senza metastasi del sistema nervoso centrale.
Inoltre, i dati preliminari sulla sopravvivenza globale, sebbene non statisticamente significativi al momento dell'analisi ad interim, sono promettenti, con una riduzione del 37% del rischio di mortalità.

Nello studio FLAURA, 556 pazienti naïve-al-trattamento con tumore NSCLC localmente avanzato o metastatico EGFR-positivi sono stati assegnati in modo casuale a Osimertinib ( n=279 ) o a un inibitore tirosin-chinasico standard ( Erlotinib o Gefitinib; n = 277 ).
Sono stati arruolati nello studio anche pazienti con metastasi a livello del sistema nervoso centrale ( CNS ); tutti i pazienti presentavano delezioni dell'esone 19 o mutazioni di L858R.
La terapia orale giornaliera è stata somministrata al dosaggio di 80 mg di Osimertinib, 250 mg di Gefitinib o 150 mg di Erlotinib.

Il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) con Osimertinib è stato dell'80% rispetto al 76% di Erlotinib e Gefitinib ( odds ratio, OR=1.28, IC 95%, 0.85-1.93, P = 0.2335 ).
La durata mediana della risposta con Osimertinib è stata di 17.2 mesi rispetto a 8.5 mesi nel braccio di confronto.

Nei pazienti con metastasi a livello del SNC ( n=116 ), la sopravvivenza mediana libera da progressione ( PFS ) con Osimertinib è stata di 15.2 mesi ( IC 95%, 12.1-24.4 ) rispetto a 9.6 mesi ( IC 95%, 7.0-12.4 ) con terapia standard ( hazard ratio, HR = 0.47, IC 95%, 0.30-0.74; P = 0.0009 ).
In quelli senza coinvolgimento del SNC ( n=440 ), la PFS mediana è stata pari a 19.1 mesi ( IC 95%, 15.2-2.5 ) e 10.9 mesi ( IC 95%, 9.6-12.3 ), rispettivamente, per Osimertinib e per il braccio di controllo ( HR=0.46; IC 95%, 0.36-0.59; P inferiore a 0.0001 ).
In tutti i pazienti, la progressione a livello del SNC si è verificata nel 6% dei pazienti trattati con Osimertinib contro il 15% di quelli che hanno ricevuto Erlotinib e Gefitinib.

Sono stati valutati i dati di sicurezza per Osimertinib negli studi FLAURA, AURA3, AURA e AURA2.
Osimertinib è stato ben tollerato, con la maggior parte delle reazioni avverse di grado 1 o 2.
In tutti i pazienti, le reazioni avverse più comuni sono state: diminuzione dei leucociti ( 68% [ 1.5% grado maggiore o uguale a 3 ] ), diminuzione dei linfociti ( 67% [ 7.2% grado maggiore o uguale a 3 ] ), diminuzione della conta piastrinica ( 54% [ 1.6% grado maggiore o uguale a 3 ] ), diarrea ( 49% [ 1.2% grado maggiore o uguale a 3 ] ), rash ( 47% [ 0.9% grado maggiore o uguale a 3 ] ), diminuzione dei neutrofili ( 35% [ 4.1% grado maggiore o uguale a 3 ] ), pelle secca ( 33% [ 0.1% grado maggiore o uguale a 3 ] ), paronichia ( 31% [ 0.3% grado maggiore o uguale a 3 ] ), stomatite ( 20% [ 0.2% grado maggiore o uguale a 3 ] ) e prurito ( 17% [ 0.1% grado maggiore o uguale a 3 ] ).

Nell'Unione Europea, Tagrisso è già indicato nel trattamento dei pazienti con tumore al polmone non-a-piccole cellule positivo per la mutazione EGFR T790M, localmente avanzato o metastatico.

Il carcinoma polmonare è la principale causa di morte per cancro negli uomini e nelle donne, e rappresenta circa un quinto di tutti i decessi per cancro, più di cancro al seno, alla prostata e al colon-retto combinati.
Circa il 10-15% dei pazienti negli Stati Uniti e in Europa e il 30-40% dei pazienti in Asia presentano un tumore NSCLC mutato in EGFR ( EGFRm ). Questi pazienti sono particolarmente sensibili al trattamento con EGFR-TKI, che bloccano le vie di segnalazione cellulare che guidano la crescita delle cellule tumorali.
Tuttavia, i tumori quasi sempre sviluppano resistenza al trattamento con EGFR-TKI, con progressione della malattia. Circa la metà dei pazienti sviluppa resistenza agli EGFR-TKI approvati come Gefitinib, Erlotinib e Afatinib a causa della mutazione della resistenza EGFR T790M.
Vi è anche la necessità di medicinali con una migliore efficacia a livello del SNC, poiché circa il 25% dei pazienti con tumore NSCLC EGFRm ha metastasi cerebrali alla diagnosi con un incremento fino a circa il 40% entro due anni dalla diagnosi. ( Xagena2018 )

Fonte: AstraZeneca, 2018

Onco2018 Pneumo2018 Farma2018


Indietro